Come aprire un negozio di prodotti biologici

Per chi vuole aprire un’attività in proprio, il settore del biologico può essere una possibilità concreta sia di lavoro, che di guadagno. E’ un settore che si è sviluppato molto e in fretta nel corso degli anni, in quanto tutti vogliono disintossicarsi e mangiare in modo sano. Il mondo biologico ha contagiato anche l’industria cosmetica, quindi in un ipotetico negozio si possono vendere prodotti alimentari, cosmetici, prodotti per l’igiene e profumi. Non è un segreto che tutti i prodotti industriali abbiano al loro interno conservanti e additivi, derivanti da insetticidi, pesticidi o antischiumogeni, oppure creati chimicamente, portando l’organismo a sviluppare malattie.

Prima di aprire l’attività, bisogna chiarire cosa si vuole vendere e trovare il locale commerciale adatto. Sarebbe meglio includere più prodotti, perché il mercato si evolve rapidamente e può darsi che un dato prodotto, dopo un lungo periodo, stanchi i consumatori. Via libera quindi alla vendita di frutta e verdura fresca, latticini, prodotti da forno e cereali biologici, oltre che cosmetici o prodotti per l’igiene bio. L’ubicazione del negozio deve essere in un’area molto trafficata, meglio se con parcheggio nelle vicinanze e dove non ci sia già un negozio simile. Per gli aspetti burocratici, si dovrà fare la comunicazione alla Camera di Commercio, aprire un conto corrente dell’impresa, chiedere e ottenere i permessi per l’apertura di un  negozio di questo tipo, presso l’Asl di competenza e presso il Comune e la Regione, ottenere i permessi dei Vigili del Fuoco, poi registrare la posizione Inail e Inps e registrare il personale (se presente).

Dopo aver scelto i prodotti e adempiuto ai doveri burocratici, bisogna individuare i fornitori più adatti e affidabili, dopodiché non si deve fare altro che attendere i clienti, magari facendo anche pubblicità nel web, scendendo in strada e far assaggiare alcuni dei prodotti presenti in negozio, distribuendo volantini. Periodicamente, si possono fare delle promozioni, magari accordandosi con i locali limitrofi: per esempio, se nelle vicinanze c’è un parrucchiere molto frequentato, ogni volta che qualcuno si taglierà i capelli avrà diritto a uno sconto nel vostro negozio, viceversa, ogni volta che qualcuno farà acquisti  bio, potrà avere la piega gratis.

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.