Come aprire un’impresa di pulizie
By Fabio Caliari On 5 giu, 2013 At 07:27 PM | Categorized As Lavoro | With 0 Comments










  • Aprire un’impresa di pulizie può essere una soluzione ottimale per chi vuol intraprendere un’attività redditizia e che non passa mai di moda. La clientela è molto vasta: privati, imprese e addirittura la Pubblica Amministrazione sono alla continua ricerca di questi servizi, specialmente se la ditta di pulizie è specializzata. Esistono, infatti, delle imprese di pulizie che erogano il servizio delle normali pulizie di casa o condominiali, come il lavaggio scale e pavimenti, vetri e pulizia delle varie suppellettili, altre invece sono in grado di sanificare l ‘ambiente e di pulire a fondo, utilizzando degli appositi macchinari adatti allo scopo e con personale qualificato.

    Per aprire un’impresa di pulizie, è necessario iscriversi al Registro delle Impresa o all’Albo, a patto di essere in possesso di determinati requisiti, stabiliti dal Decreto Ministeriale 274/97 e dalle legge 82/94. I requisiti si dividono in requisiti di capacità economico-finanziaria, cioè il titolare o i soci non devono avere protesti cambiari a carico negli ultimi cinque anni, essere titolari di un conto corrente, avere l’iscrizione all’INPS e all’INAIL per tutti i lavoratori, titolare compreso, oltre che l’obbligo di stilare dei contratti regolari di lavoro con tutti i dipendenti.

    Il titolare e i suoi eventuali soci non devono avere procedimenti penali in corso e non devono esserci procedure fallimentari, di prevenzione o di sicurezza e contravvenzioni in merito alla previdenza.

    Infine, i requisiti di capacità tecnico-professionali: se l’impresa si occupa solo di pulizia e disinfestazione, non sarà necessario nominare un responsabile tecnico, mentre è obbligatorio se l’impresa si vuole occupare di derattizzazione e sanificazione degli ambienti. Il responsabile tecnico dev’essere parte integrante dell’azienda e deve avere in possesso un diploma di scuola superiore, se non addirittura una laurea in chimica o in altre materie di attinenza, oppure, dimostrare di avere esperienza lavorativa nel settore specifico di almeno tre anni.

    Trovato il locale o il deposito per tenere i macchinari e i vari strumenti di lavoro, si deve compilare la dichiarazione di inizio attività e presentarla al Registro delle Imprese. Ovviamente, si deve aprire partita IVA e si deve cercare un commercialista per mantenere la contabilità. Se il locale lo si vuole adibire a ufficio, si devono chiedere le autorizzazioni al Comune e ai Vigili del Fuoco.

     






    About -

    Leave a comment

    XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


    Close
    Please support the site
    Cliccando su uno di questi pulsanti aiuterai a far crescere il nostro progetto !