Come scegliere i prodotti “perfetti” da vendere online

Uno dei fattori più importanti nella creazione di un business E-commerce di successo è sapere cosa vendere on-line. Trovare il prodotto perfetto per la vendita è spesso il passo più importante nella creazione di una società redditizia e in crescita.

Negli ultimi 2 anni, mi sono posto una domanda – Qual’è il prodotto perfetto da vendere per un E commerce di successo? Per capire meglio i fattori che determinano il “prodotto perfetto”, ho dovuto analizzare caratteristiche,livello di concorrenza e indice di gradimento degli acquirenti online di prodotti vari di successo e di nicchia. Analizzando prodotti di successo e non sono arrivato alle seguenti conclusioni :

QUAL’E’ LA FASCIA DI UN POTENZIALE MERCATO ?

Scegli un prodotto di una piccola nicchia di mercato;naturalmente evita le nicchie troppo piccole ,con un numero basso di ricerca keywords (per questo puoi prendere aiuto dallo stumento che adwords mette a disposizione per l’analisi della parole chiave). Ad esempio,un prodotto che si rivolge a donne in gravidanza di età compresa tra i 25 ed i 40 anni è probabilmente buono; ma se invece mettiamo in vendita un prodotto che si rivolge alle donne in gravidanza tra i 25 ed i 40 anni che ascoltano musica rock sarà naturalmente molto più difficile trovare un acquirente e, dovremo investire molto più tempo e denaro per far trovare i nostri prodotti. Ad esempio qualche anno fa ,concentrai il mio negozio sulla vendita di prodotti per fare il Sushi a casa propria,con un prodotto innovativo che ancora oggi non è venduto in Italia ed è ancora ricercatissmo .

Probabilmente il mercato dei prodotti per fare il Sushi a casa non è enorme. Fare parte di una piccola nicchia di mercato può essere sia un fattore positivo ,ma anche negativo. Una piccola nicchia di mercato potrebbe limitare di molto i guadagni,ma,impegnandosi,investendo nella promozione e nella pubblicità,potremmo ambire anche a “conquistare” quella nicchia e diventare un riferimento per una persona che cerca quel determinato tipo di prodotto.

Sempre restando nel mio personale esempio dei prodotti per fare il Sushi;si potrebbe frequentare un corso ed ottenere la licenza REC (per la vendita di alimentari) e magari ampliare il catalogo con la vendita di alghe ,salse ed altri componenti per preparare un ottimo sushi ;si potrebbe creare un blog collegato al negozio con tutte le ricette ,con magari collegamento diretto ai prodotti che vendi.

Strumento utile :Usando lo strumento per parole chiave di Google,potrai determinare il volume di ricerca per ogni parola. Questo strumento può darti un’idea di quante persone ricercano le parole/frasi che hai inserito ed un tuo ritorno in termini di mercato. Confrontando questi criteri ,dopo un po’ di tempo ,dovresti riuscire a scoprire se la nicchia su cui hai puntato è davvero redditizia.

COM’E’ LA CONCORRENZA ?

Cosa molto importante da tenere sotto controllo: hai concorrenza per la nicchia di prodotti che vendi? Se ci sono molti altre persone che rivendono i tuoi prodotti,potrebbe essere un segnale che quella fascia di mercato è satura;quindi dovresti pensare a qualche metodo per distinguerti dalla concorrenza. Sempre restando nell’esempio del Sushi (che comunque non ha molta concorrenza) ,insieme ai prodotti venduti,potresti regalare un video ricettario per aiutare l’acquirente ad usarli. Queste sono le cose che distinguono noi dalla concorrenza !

SI TRATTA DI UNA MODA TEMPORANEA O DI UN MERCATO IN CRESCITA ?

Se punterai ad una nicchia di mercato,dovrai assicurarti se si tratta di una moda passeggera o di prodotti con un mercato in crescita.

Ci sono prodotti che hanno una durata di vendita di poche settimane. Ad esempio ,quando ci fu il grandissimo terremoto in Giappone ,che danneggiò la centrale nucleare di Fukushima,vennero emanate fortissime e pericolosissime radiazioni in tutto il mondo;da quel giorno e, per i 2 mesi successivi, le vendite dei contatori Geiger (strumento che rileva le radiazioni) aumentarono del 200%.

Stessa cosa successe agli europei di calcio;dopo aver fatto Goal Balotelli, si tolse la maglia e mostrò dei supporti di colore azzurro per la schiena; nelle settimane successive le vendite di questi supporti aumentarono in maniera spropositata quando ,fino a qualche giorno prima, nessuno era a conoscenza dell’esistenza di quel prodotto. Quindi cosa obbligatoria da fare in un’attività online è tenersi sempre aggiornati sui trend del momento. A questo proposito la Google ha creato,per il momento solo negli USA ,uno strumento dal nome googletrends ,che ci tiene aggiornati in tempo reale su quello che è più o meno ricercato dalla rete.

I TUOI PRODOTTI SI TROVANO NEI NEGOZI TRADIZIONALI OFFLINE ?

Un’altro grande fattore da tenere sotto controllo ; se i prodotti che vendi si trovano nei comuni negozi,perchè una persona dovrebbe acquistarli nel tuo negozio online ?

A meno che non vendi il medesimo articolo ad un prezzo molto inferiore,non avrai grandissime probabilità di successo ,quindi ti consiglierei vivamente di guardare altrove.

CHI E’ IL TUO TARGET DI CLIENTELA ?

Questo sarebbe un punto da soffermarsi ed analizzare per vedere qual’è il tipo di clientela che potrebbe o no fare acquisti online.

Se vendi prodotti per teenagers ad esempio ,dovrai tenere a mente che,se minorenni,in teoria non potrebbero effettuare acquisti con carte di credito e quindi partiresti già svantaggiato.

Andando invece su articoli adatti per clientela anziana, correremmo il rischio di trovare un pubblico che nemmeno sa accendere il computer .

La mia conclusione quindi è ,che il target ideale di clientela ,rientrerebbe tra un’età compresa tra i 18 ed i 50 anni; quindi concentrerei la mia attenzione in questa fascia ,mettendo in vendita oggetti mirati .

QUAL’E’ LA GIUSTA FASCIA DI PREZZO ?

Ancora oggi molta gente diffida nell’acquistare online,soprattutto se si tratta di oggetti costosi.

Guardando dei dati in alcune riviste di economia, ho notato che,la maggior parte degli acquirenti su internet,acquistano prodotti che stanno in una fascia di prezzo tra i 25 ed i 150 euro.

Sotto i 25 Euro sarebbe un prezzo sconsigliato,in quanto chi compra non riuscirebbe ad ammortizzare le spese di spedizione (e meno che non si tratti di prodotti introvabili).

Sopra i 150 Euro invece,potrebbe essere una spesa troppo grande da “rischiare” per alcuni diffidenti ,quindi le probabilità di vendita potrebbero abbassarsi.

ATTENZIONE ALLE RESTRIZIONI

Se venderai online e,soprattutto nei paesi al di fuori dell’Italia , dovrai fare molta ai regolamenti interni di ogni paese.

Ad esempio ,misi in vendita sul sito Ebay.com delle riproduzioni di daghe dell’epoca fascista ,proposi la vendita per tutto il mondo;ne vendetti un pezzo negli USA ,lo spedii e ,con mio stupore fu bloccato dalla dogana americana in quanto considerato come arma da taglio. Stessa cosa mi successe con i coltelli da cucina che misi in vendita in Inghilterra su Ebay.co.uk,lo stesso Ebay cancellò la mia inserzione in quanto materiale pericoloso. Massima attenzione anche su smalti ed accessori per unghie in quanto materiale infiammabile .

Prima di mettere in vendita un prodotto quindi ,consiglio sempre di verificare se è possibile farlo online ,soprattutto per le vendite all’estero.

ATTENZIONE ALLA DURATA

Un rischio frequente è di acquistare prodotti da vendere in grandi quantità e, causa cambio modello restino invenduti nel proprio magazzino. Quindi dovrai fare molta attenzione se venderai abbigliamento ,in quanto ogni anno la moda ed i colori cambiano; articoli per cellulari e tablet ,in quanto le fabbriche tipo la APPLE cambiano frequentemente i loro modelli. Nel caso venderai dei prodotti “a scadenza” ,ti consiglio di acquistarne in lotti non grandissimi per evitare grandi rimanenze di magazzino.

LE CATEGORIE IN E OUT (Cosa vendere e cosa non vendere)

Categorie IN

  • Sexy shop
  • Articoli per la casa (meglio se puntando su originalità e design)
  • Collezionismo
  • Estetica,cura del corpo e per l’igiene personale
  • Prodotti per animali
  • Abiti da lavoro a prodotti antifortunistica
  • Prodotti artigianali
  • Prodotti per l’ufficio
  • Ricambi per auto e moto

Categorie OUT (mercato saturo)

  • Elettrodomestici
  • Arredamento
  • Audio e video
  • Informatica
  • Elettronica e telefonia
  • Prodotti alimentari

CONCLUSIONI

La nicchia di prodotti che si deciderà di vendere,sarà la spina dorsale della vostra attività,quindi il “cosa venderai” sarà la decisione più importante che dovrai fare. Al di là di quello che ho detto sul “prodotto perfetto” da vendere ,che esista o no,seguendo i passi sopradescritti ,sarà possibile ridurre al massimo il rischio insuccesso nel nostro negozio.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.