Diventare giornalista pubblicista e ricevere il patentino.

Un giornalista pubblicista è colui o colei che svolge l’attività giornalistica in maniera non occasionale e retribuita, ma che esercita altre professioni o impieghi. Ecco perché la categoria dei giornalisti e quella dei pubblicisti sono ben definite all’interno dell’Ordine professionale dei giornalisti. La qualifica di giornalista pubblicista, infatti, prevede un tesserino a parte, chiamato anche patentino.

Come diventare giornalista pubblicista :

La prima cosa da fare per diventare giornalista pubblicista professionista è quella di contattare l’Ordine dei Giornalisti della propria Regione di residenza. L’iter è di norma simile, ma ogni Regione può avere qualche differenza. Di solito comunque la procedura comune è che bisogna iniziare una collaborazione retribuita con una o più testate. Devono essere regolarmente iscritte al Tribunale (ossia, devono avere un direttore responsabile che sia giornalista o pubblicista). Questo è fondamentale, perché anche una minima irregolarità può comportare l’esclusione automatica per la conquista del patentino. Ogni collaborazione

deve garantire al candidato una certa regolarità nel pubblicare articoli, che devono comunque essere siglati o firmati, e uan retribuzione per un periodo complessivo minimo di 24 mesi.

Dopo questa prima fase, bisogna raccogliere tutti gli articoli prodotti per tutto il periodo minimo e i documenti che attestano l’avvenuta retribuzione. Ogni caso sarà esaminato singolarmente.

Ultimo step, bisogna redigere la domanda di iscrizione all’Albo dei Giornalisti. Bisogna acquistare la marca da bollo e si consegna tutta la documentazione presso l’Ordine dei Giornalisti appartenente alla propria Regione. Bisognerà aspettare che il Consiglio indetto dall’Ordine si riunisca e prenda in esame il candidato. Entro breve, si saprà se la domanda sia stata approvata o meno, oppure se è richiesto un colloquio orale. E’ possibile iscriversi all’Albo dei Giornalisti nella sezione dedicata ai pubblicisti e si può ritirare il proprio patentino.

E’ bene chiarire che ogni Regione può avere delle differenze, ossia il numero di articoli, la retribuzione minima prevista e il costo della richiesta variano da Regione a Regione, quindi da Ordine a Ordine.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.