Russia :dove andare e cosa vedere

VIAGGIO IN RUSSIA – COSA VEDERE

Visitare la Russia per un cittadino italiano è semplice, ma i turisti non comprendono ancora la vita di questa nazione, nonostante le ideologie e le stesse icone politiche di un tempo sono ormai decadute. I Russi sono caratterizzati da pessimismo e ottimismo, rudezza e ospitalità, segretezza e apertura mentale.

Per poter visitare la Russia, i cittadini italiani e la maggior parte dei visitatori stranieri hanno bisogno di un visto d’ingresso. Bisogna calcolare almeno un mese per essere sicuri di ottenerlo, e mai sottovalutare questo aspetto del viaggio. Altro aspetto è il periodo migliore per visitare la Russia: luglio e agosto sono i mesi più caldi e coincidono con il periodo delle ferie italiane, ma sono anche i mesi in cui  può piovere un giorno ogni tre. Le condizioni ottimali sono effettuare il viaggio in maggio-giugno o in settembre-ottobre, in quanto all’inizio dell’autunno cadono le foglie e si possono raccogliere funghi e bacche. Il freddo dell’inverno è pungente, si sa, ma i teatri sono aperti, la vodka scorre a fiumi, gli edifici sono caldi e la neve è splendida, a differenza della primavera, dove le strade sono viscide e fangose e la stagione è pessima. D’altronde, i Russi sono esperti di freddo e neve!

Anche il periodo delle festività è molto gettonato: Pasqua e Natale vengono festeggiate con le tipiche messe a mezzanotte, processioni con fiaccole e mostre di arte popolare. In aprile a San Pietroburgo si celebra il festival Primavera Musicale, mentre negli ultimi 10 giorni di giugno si possono ammirare le notti bianche, un periodo in cui si festeggia e si resta alzati fino a tardi. A Mosca si tiene un Festival Cinematografico nell’autunno degli anni dispari. Il Festival Invernale Russo viene celebrato a San Pietroburgo, Mosca e Novgorod dalla fine di dicembre ai primi di gennaio con spettacoli folcloristici e grandi bevute di vodka. L’altra grande festa invernale è il Capodanno, celebrato con regali, spumante e altra vodka. E purtroppo non è un classico luogo comune.

Russia

I bancomat sono collegati a tutte le reti internazionali. Sono diffusi in tutta la Russia e usando la carta di debito o di credito, si può ritirare la quantità di denaro desiderata in rubli, ma a volte anche in dollari americani o in Euro. Questo non vuol dire che non si debba viaggiare con almeno un piccolo quantitativo di denaro contante, perché i Bancomat possono anche non accettare la propria carta o il PIN (bisogna verificare in Banca).

La caratteristica architettonica più tipica della Russia è la forma “a cipolla” delle cupole delle chiese, derivante dal fatto che le chiese in legno del Nord furono edificate in mattoni e colorate mattonelle. Nel mondo dell’arte, icone religiose, futurismo e arte grafica rivoluzionaria sono forme tipicamente russe. Anche il cinema ha ricevuto queste influenze: il culmine del periodo rivoluzionario è rappresentato dai capolavori di Sergej Eizenstejn La corazzata Potëmkin e Ivan il Terribile. In tempi più recenti spiccano le opere simboliche di Andrej Tarkovskij. La cultura popolare è testimoniata dalle danze della Compagnia di danza statale georgiana, caratterizzate da un vigoroso calpestio di piedi, dai lavori di ricamo e dalle sculture in legno delle varie regioni, dalle bambole russe (le matrioske) e dalle case di legno scolpito nell’Est.
E’ indiscutibile che la lingua principale sia il russo, ma le popolazioni centroasiatiche parlano anche lingue simili al turco e al tartaro, oltre ad essere di religione musulmana. Anche se comunismo e religione non andavano molto d’accordo, la Chiesa ortodossa è sopravvissuta ed è in crescita, a differenza della popolazione ebraica, che ha preferito l’emigrazione a causa di un intransigente antisemitismo che perdura ancora oggi nelle aree rurali.

Anche se la cucina russa è fortemente denigrata, vanta una grande varietà di manicaretti, tra cui le famose minestre di barbabietole rosse e di cavolo con carne stracotta condita con una ricca salsa e con contorno di verdure. Nelle grandi città c’è di tutto, dal sushi agli hamburger alla pizza. I vegetariani troveranno le consuete insalate a buffet e i panini imbottiti che per loro costituiscono i piatti più comuni. A Mosca e San Pietroburgo ci sono molti supermercati in stile occidentale dove si può acquistare qualche prodotto fresco.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.