Viaggiare sicuri Turchia , informazioni di viaggio

Viaggiare sicuri Turchia, informazioni utili prima di partire :

Situata tra Europa ed Asia, la Turchia è un’affascinante terra di contrasti e culture. Anche se il paese è in rapido sviluppo, il mistero dell’Oriente e dell’Arabia viene richiamato nell’architettura e nella cultura. I viaggiatori amano la deliziosa cucina turca, le bellissime spiagge ed i suoi movimentati bazar. L’antica città di Istanbul è l’attrazione principale ma anche se si fa un’escursione sul Monte Ararat, si ammiri il sole sulle rive del Mediterraneo e del Mar Nero, o le antiche città sotterranee e le chiese ricavate nella pietra, la Turchia è una terra esotica che vale la pena visitare almeno unavolta nella vita. Ovviamente, osservando alcune regole.

La Turchia è un paese sicuro per la salute, ma bisogna prendere delle precauzioni, onde evitare intossicazioni e fastidi allo stomaco. E’ bene bere solo acqua imbottigliata e usare il buonsenso per quanto riguarda cibo e di igiene, specialmente a luglio e agosto, i mesi più caldi. Mai mangiare molluschi crudi, controllare che tutto il cibo sia ben cotto e che il latte sia stato pastorizzato.

Per entrare nel paese non sono necessari vaccinazioni particolari, ma è bene controllare se si sono fatti i richiami per tetano, epatite, polio e tifo. Consultare comunque il proprio medico di fiducia per chiarire ogni dubbio e per farsi consigliare al meglio. Non ci sono rischi di malaria nelle aree turistiche, cioè a ovest e a sud ovest, mentre da maggio a ottobre sussistono nelle zone di Ukorova/Amikova e nel sud est dell’ Anatolia, Adana e Antalya. Chi deve recarcisi o le vuole visitare, è bene che inizi preventivamente la profilassi apposita.

In ogni caso, è bene stipulare una assicurazione per coprire le spese mediche in Turchia. I costi per le cure possono essere molto elevati. Sia medici che dentisti parlano anche inglese, specie nelle strutture sanitarie principali. Inoltre, si possono reperire facilmente, anche se si consiglia di portarsi le medicine che servono da casa. Per sicurezza, meglio farsi fare dal medico una prescrizione medica leggibile, in modo da dimostrare che i farmaci sono per uso personale e non per spaccio.

Chi vuole importare tabacco dalla Turchia, può farlo, ma devono essere 200 sigarette e 50 sigari o 200g di tabacco e 200 cartine da sigaretta o 50g di tabacco da masticare o 200g di tabacco da pipa o 200g di tabacco da fiuto; per quanto riguarda gli alcolici, cinque bottiglie (1 litro) o sette bottiglie (700ml) di vino e/o alcolico. Per quanto riguarda altre cose, si possono esportare una ragionevole quantità di caffè e tè (qualche confezione, non certo una valigia intera); cinque bottiglie (fino a 120ml ciascuna) di profumo; regali e apparecchi elettronici per un valore pari o fino a 255,65 Euro. E’ illegale esportare antichità che

hanno 100 o più anni. Nelle ambasciate si possono trovare elenchi di antichità dove è illegale l’esportazione.

E’ meglio viaggiare sempre in gruppo e diffidare di coppie o di chi offre spuntini o drink, in quanto possono essere corretti con droghe. Per non confondersi con l’ospitalità turca, un trucco è quello di chiedere di farsi fare uan foto insieme e di attendere la reazione . Se non si vuole il cibo o la bevanda offerta, sci si può inventare una allergia. Se si viene accusati di insultare la loro generosità, il consiglio è di andare alla stazione di polizia e trovare una persona della sicurezza. Le donne non devono mai camminare da sole e vestire con abiti succinti. E’ bene portare la fede e indossare occhiali da sole per evitare lo sguardo diretto degli uomini ed evitare fraintendimenti. Addirittura ci sono dei ristoranti, dove ci sono scritte le parole aile ( famiglia) e aile salonu (stanza per famiglia) dove le donne possono cenare in sicurezza.

Il passaporto èvalido per un minimo di sei mesi oltre la data di permanenza è richiesto a tutti. Verrà anche chiesta prova che si ha o il biglietto di ritorno o denaro sufficiente per comprarlo. Meglio comunque contattare l’ambasciata Turca per le regole correnti in materia di visti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.